• Menu
  • Menu
Valle dell'Isonzo

Valle dell’Isonzo: una vacanza tutta green in Slovenia

Valle dell’Isonzo: una vacanza all’insegna della natura nella verde Slovenia

vacanza green in Slovenia
Foto di Giuly Followthesun

Quando si sente parlare di questo piccolo staterello situato a Nord-Est della nostra Italia, di certo non si pensa alla Valle dell’Isonzo. La nostra mente corre subito alla sua capitale Lubiana, alle Grotte di Postumia, al Lago di Bled o ai casinò di Portorose. Ma in realtà la Slovenia offre molto di più, soprattutto agli amanti della natura!

La Slovenia è infatti uno dei Paesi più sostenibilipiù verdi di tutta l’Europa, il terzo in classifica in quanto a superficie boschiva, ed è stata la prima nazione al mondo dichiarata nazione verde secondo gli standard dell’organizzazione Green Destinations.

È proprio nella Soča Valley, la Valle dell’Isonzo, che abbiamo trascorso una settimana meravigliosa all’insegna della natura e dello sport. Un viaggio che ci ha davvero rapito il cuore per la bellezza paradisiaca di luoghi naturali perfettamente preservati e al tempo stesso intrisi di storia e cultura.

Ma dove si trova esattamente la Valle dell’Isonzo?

La Valle dell’Isonzo si trova appena oltre il confine italiano. Noi l’abbiamo raggiunta comodamente in auto e ci avremmo impiegato circa 3,5-4 ore da Verona, se non avessimo deciso di fermarci a dormire a Cividale del Friuli, uno dei borghi più belli e affascinanti del Friuli Venezia Giulia.

Valle dell'Isonzo
Itinerario in auto da Verona alla Valle dell’Isonzo

La Valle dell’Isonzo e tutta l’area delle Alpi Giulie sono state inserite tra le riserve della biosfera. Grazie al programma di ricerca internazionale promosso dall’UNESCO, in queste zone protette la tutela e la sostenibilità sono al centro di qualsiasi attività di sviluppo economico, turistico e sociale.

Il Parco Nazionale del Triglav

Se amate le vacanze dinamiche e la natura incontaminata, il Parco Nazionale del Triglav (Triglavski Narodni Park) è il posto che fa per voi.
Si tratta dell’unico Parco Nazionale sloveno, istituito nel 1924. 

Ospita le cime carsiche più alte delle Alpi Giulie, nonché una delle aree naturali più tutelate e meglio preservate a livello europeo: l’alta Valle dell’Isonzo. Prende il nome proprio dalla vetta più alta della Slovenia, il Triglav, che con i suoi 2864 metri di altezza si staglia impetuoso sulla vallata circostante.

Si dice che ogni persona nata in Slovenia debba scalare almeno una volta nella vita questa montagna fino alla vetta per poter essere considerata realmente di nazionalità slovena. Questo a testimoniare il legame profondo della popolazione locale con le montagne e con la natura, che qui regnano sovrane.

Valle dell'Isonzo
Foto di Giuly Followthesun

Sono moltissime le attività che si possono praticare in quest’area. L’estate è sicuramente la stagione più bella per vivere al meglio le temperature miti della valle e dedicarsi agli sport sul fiume Isonzo. L’inverno è invece ideale per gli amanti dello sci, dell’alpinismo e dell’avventura ad alta quota, motivo per cui spero vivamente di tornare presto in questa zona anche durante i mesi freddi!

Qui il Soča, così si chiama in sloveno, scorre allegramente e dipinge una striscia di colore azzurro-smeraldo, che contrasta con il bianco dei ciottoli e con il verde delle montagne e dei prati rigogliosi.

Insieme ai suoi numerosi affluenti, l’Isonzo crea meravigliose cascate, rapide, gole, forre e tonfani, dando vita a un paesaggio che a tratti ci è sembrato surreale per quanta bellezza si presentava ai nostri occhi.

Valle dell'Isonzo
Foto by Giuly Followthesun

Non saremmo affatto rimasti stupiti se durante una delle escursioni avessimo incontrato qualche elfo o creatura magica, perché ci sembrava veramente di stare all’interno di un mondo fiabesco!

Il modo più bello e autentico per vivere il fiume, è sicuramente quello di fare campeggio sulle sue rive. Noi abbiamo scelto di trascorrere qui una settimana in tenda, lasciandoci letteralmente cullare dallo scorrere delle acque e dai ritmi della natura.

Valle dell'Isonzo
Valle dell'Isonzo
Foto di Giuly Followthesun

Sport acquatici per gli amanti dell’avventura!

Come anticipavo, è proprio il Soča il protagonista assoluto di quasi tutte le attività che si possono fare nella Valle dell’Isonzo. Qui ogni animo, dal più placido al più agitato, può trovare la giusta attività adatta alle proprie passioni: kayak, canoaraftingcanyoning e hydrospeed sono le più divertenti e avventurose.

Tutte queste escursioni possono essere prenotate facilmente presso le reception dei campeggi, delle strutture alberghiere oppure tramite le agenzie locali e sono ovviamente soggette alle condizioni meteo.  

Ognuna di queste esperienze è condotta in totale sicurezza da guide esperte, che non vi costringeranno mai a fare qualcosa che non vi sentite. Ma magari vi aiuteranno a vincere la paura e a spingervi un po’ fuori dalla vostra comfort zone, avventurandovi in un’esperienza indimenticabile che difficilmente avreste pensato di fare prima di partire!

Valle dell'Isonzo
Canyoning, un’esperienza incredibile a contatto con la natura
Kayak sulle facili rapide dell’Isonzo

Pesca e relax per i più tranquilli

Qui è molto diffusa la pesca con la mosca, unico tipo di pesca consentito sul territorio, che attira pescatori di ogni dove alla ricerca della trota marmorata. Si tratta di una specie che ha rischiato l’estinzione, ma che grazie a un efficace piano di recupero è tornata a ripopolare le acque dell’Isonzo.

È fantastico godersi un po’ di sano relax sulle rive del fiume cristallino, le cui acque non sono certo tropicali, ma un bagnetto rapido e rinfrescante può avere un sacco di effetti benefici su corpo e mente.

Da notare poi la mancanza di esseri umani a turbare la quiete di questi luoghi, che non sono eccessivamente affollati nemmeno in pieno agosto. L’atmosfera è quindi di assoluta tranquillità, gli unici rumori che si sentono sono quelli della natura e delle acque cristalline che scorrono incessantemente.

Valle dell'Isonzo
Acque cristalline dell’Isonzo

Sport estremi per i più spericolati

Per i più spericolati, la Valle dell’Isonzo presenta una vasta scelta di attività adrenaliniche, non solo legate all’acqua dell’Isonzo, ma anche all’aria: dal paracadutismo al volo in aliante, dalla zipline al parapendio.

Numerose sono poi le possibilità di mettersi alla prova con l’arrampicata sulle pareti di roccia o di intraprendere percorsi attrezzati in qualche parco avventura immerso nella vegetazione.

Trekking e mountain bike per tutti

La Valle dell’Isonzo è ricchissima di percorsi di trekking e mountain bike di vari gradi di difficoltà, adatti alle più svariate esigenze di età e di condizione fisica. L’aspetto più interessante di questi percorsi è il connubio tra la natura rigogliosa e i resti della Grande Guerra, che qui ha lasciato tristi tracce un po’ ovunque.

Quest’area è rimasta profondamente segnata dagli eventi legati ai combattimenti tra italiani e austriaci durante la Prima Guerra Mondiale, che qui combatterono sanguinose battaglie. La più celebre, di cui tutti noi abbiamo letto nei libri di storia, è la battaglia di Caporetto, durante la quale l’esercito italiano subì una tragica sconfitta, ritirandosi lungo la Linea del Piave.

Valle dell'Isonzo
Valle dell'Isonzo
Foto by Giuly Followthesun







Se ti è piaciuto questo post, condividilo con gli amici!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.